• Leonardo, terzo anno di Architettura.
    Al Collegio Universitario Paolo VI ho tutto quello
    che mi serve a un prezzo conveniente.
  • Daniele, terzo anno di Ingegneria Elettronica.
    Ho scelto il Collegio Paolo VI perchè
    in pochi minuti raggiungo la mia facoltà.
  • Federico, primo anno di Ingegneria Matematica.
    Il Collegio Paolo VI mi offre
    tutti i servizi di cui ho bisogno.
  • Gianluca, quarto anno di Ingegneria Chimica.
    Con i tutor del Collegio parlo di tutto
    e mi aiutano a riflettere sul mio percorso formativo.

CICLO FORMATIVO COL PROF. BERTOLA DI FONDAZIONE FELTRINELLI

collegio universitario paolo VI iniziative
23/04/18

"Siamo una generazione di ventenni con grandi aspettative e possibilità". Si è concluso così, nella sera di lunedì 23 Aprile presso il nostro Collegio, il ciclo di tre incontri formativi che ha visto noi collegiali riflettere sul tema “Avere vent'anni nel 1918, nel 1968, nel 2018”. In questo splendido viaggio siamo stati accompagnati dal professor Mauro Bertola, insegnante di italiano e storia e ricercatore presso la Fondazione Feltrinelli.

Nei primi due incontri, dal titolo “Avere vent’anni nel 1918” e “Avere vent’anni nel 1968”, ci siamo interrogati, attraverso le parole del prof. Bertola, su quali potessero essere i sogni, le aspirazioni e i valori dei giovani in quegli anni: che cosa cercavano? di cosa erano portatori? Non è stata solo un’occasione per fermarci a pensare - cosa che nel mondo di oggi (specialmente per noi giovani) pare impossibile - ma anche per arricchire il nostro bagaglio culturale affrontando tematiche poco presenti nei programmi scolastici (in particolare nel 1968).

Il terzo ed ultimo incontro, “Avere vent’anni nel 2018”, ci ha visto non solo spettatori ma anche protagonisti! Divisi in piccoli gruppi abbiamo avuto l’opportunità di riflettere su ciò che siamo domandandoci di che cosa siamo custodi, che cosa vorremmo cambiare e innovare nel mondo, in costante confronto con i giovani del passato: quali sono gli elementi di rottura e di continuità con quelle generazioni? Provando a rispondere a queste domande siamo riusciti forse a conoscerci meglio guardando prima dentro noi stessi per poi poterci aprire al mondo. Ci siamo resi conto che, per poter costruire qualche cosa di comune, dobbiamo crescere come comunità e non soltanto come individui. Sicuramente possiamo dire di aver speso tre serate in compagnia, con entusiasmo e tanta voglia di scoprire e conoscere, tuffandoci nel passato per poter comprendere il presente. Infine, è con la speranza di essere giovani un po' più consapevoli e portatori di idee e valori che ringraziamo ancora una volta il professor Bertola e il Collegio Paolo VI per quest’opportunità di crescita e formazione. (C) Gianluca Gagliardi